La storia del turismo dall'antichità ai nostri giorni

Una narrazione ricca di sviluppi culturali, economici e sociali che si è evoluta nel corso dei secoli

Annamaria Parlato 30/04/2024 1

La storia del turismo è una narrazione ricca di sviluppi culturali, economici e sociali che si è evoluta nel corso dei secoli. Le prime forme di turismo risalgono all'antichità, quando i viaggiatori si spostavano per motivi religiosi, commerciali o politici. Tuttavia, il concetto moderno di turismo come un'attività organizzata e diffusa è emerso solo nell'era moderna.

Ecco una panoramica delle tappe significative nella storia del turismo:

  1. Antichità: Viaggiatori greci e romani si spostavano per visitare siti religiosi, partecipare a eventi sportivi come i giochi olimpici, o per scopi commerciali e diplomatici. I romani in particolare costruirono una rete estesa di strade che facilitò gli spostamenti.

  2. Medioevo: Durante il medioevo, i pellegrinaggi religiosi erano comuni. I cristiani visitavano siti religiosi importanti come Gerusalemme, Roma o Santiago di Compostela. I viaggiatori inoltre facevano parte di carovane commerciali che attraversavano l'Europa e l'Asia per scopi commerciali.

  3. Rinascimento e Età Moderna: Con il Rinascimento, i viaggiatori iniziarono a spostarsi per motivi culturali ed educativi. I viaggiatori nobili intraprendevano il Grand Tour per visitare i centri culturali dell'Europa, come Roma, Firenze e Venezia. Il Grand Tour fu un tradizionale viaggio educativo intrapreso principalmente dai giovani aristocratici europei, in particolare britannici, nel XVII e XVIII secolo. Era considerato parte essenziale dell'educazione di un gentiluomo e mirava a completare la formazione culturale e sociale attraverso l'esposizione a diverse culture e tradizioni europee. L'itinerario solitamente iniziava con una traversata del Canale della Manica da Dover a Calais. Da lì, i viaggiatori avrebbero fatto tappa in varie città europee, trascorrendo mesi o addirittura anni a esplorare e studiare le arti, la letteratura, la storia e la filosofia. Nel corso dell'Età Moderna, le prime forme di strutture alberghiere e servizi turistici cominciarono ad emergere. 

  4. XIX secolo: Il XIX secolo vide la crescita del turismo di massa. Migliaia di persone, trainate dai miglioramenti nei trasporti ferroviari e marittimi, cominciarono a visitare luoghi di interesse turistico, come le cascate del Niagara o le rovine di Pompei. Destinazioni come le terme diventarono popolari.

  5. XX secolo: Il turismo continuò a crescere nel XX secolo, con l'avvento dell'automobile e dell'aviazione commerciale. Destinazioni esotiche come le isole tropicali e le mete esotiche divennero accessibili a un pubblico più ampio. L'industria alberghiera e dei viaggi si sviluppò rapidamente.

Oggi, il turismo è diventato un'industria globale di dimensioni colossali, con un impatto significativo sull'economia, sull'ambiente e sulla società. Ecco alcuni aspetti chiave del turismo contemporaneo:

  1. Economico: Il turismo rappresenta una delle principali fonti di reddito per molte nazioni. Le entrate derivanti dal turismo possono contribuire in modo significativo al PIL di un paese, creando posti di lavoro diretti e indiretti in settori come l'ospitalità, il trasporto, il cibo e le bevande, il commercio al dettaglio e le attività culturali.

  2. Tecnologico: Le tecnologie digitali hanno trasformato radicalmente il settore turistico. Piattaforme online come Airbnb, Booking.com e TripAdvisor hanno rivoluzionato il modo in cui le persone prenotano alloggi, pianificano itinerari e condividono esperienze di viaggio. Inoltre, le app per dispositivi mobili offrono servizi di navigazione, traduzione e prenotazione in tempo reale, migliorando l'esperienza del viaggiatore.

  3. Sostenibilità: Con l'aumento dei viaggi, cresce anche l'attenzione verso la sostenibilità ambientale e culturale del turismo. Le destinazioni turistiche stanno adottando politiche e pratiche volte a proteggere l'ambiente, preservare il patrimonio culturale e promuovere il turismo responsabile. Questo include iniziative come il turismo ecologico, il turismo culturale e il turismo comunitario.

  4. Tendenze emergenti: Alcune tendenze emergenti nel turismo includono il turismo esperienziale, dove i viaggiatori cercano esperienze autentiche e significative, il turismo enogastronomico, che si concentra sulla scoperta della cucina locale e dei prodotti tipici, e il turismo di avventura, che coinvolge attività all'aria aperta e sport estremi.

  5. Impatto sociale: Il turismo può avere un impatto significativo sulle comunità locali, sia positivo che negativo. Da un lato, può generare opportunità economiche, promuovere la conservazione del patrimonio culturale e favorire lo scambio interculturale. Dall'altro, può causare problemi come sovraffollamento, sfruttamento dei lavoratori e perdita di identità culturale.

  6. Crisi e adattamento: Eventi come epidemie, catastrofi naturali e instabilità politica possono influenzare in modo significativo il settore turistico. Durante tali crisi, il settore deve adattarsi rapidamente, ad esempio promuovendo destinazioni alternative o implementando misure di sicurezza sanitarie.

In sostanza, il turismo oggi è un'industria dinamica e in continua evoluzione che offre opportunità e sfide sia per i viaggiatori che per le destinazioni. La sua gestione responsabile è essenziale per garantire che continui a contribuire positivamente all'economia globale e al benessere delle comunità locali, mentre si preservano le risorse naturali e culturali per le generazioni future.

Potrebbero interessarti anche...

Annamaria Parlato 31/08/2023

Vantaggi del turismo di prossimità: ecosostenibile, formativo per i giovani, strumento di promozione territoriale

ll turismo di prossimità, noto anche come turismo locale o turismo regionale, è un tipo di turismo che si concentra su viaggi e attività turistiche all'interno di una regione geografica limitata o vicina alla residenza del turista. Tra gli anni ’50 e ’60, ad esempio, il turismo di prossimità era molto in voga nella nostra Italia, in particolar modo tra quelle famiglie che non potevano permettersi viaggi lontani ed esosi. Questo tipo di turismo si basa sull'esplorazione e la fruizione delle risorse turistiche presenti nelle vicinanze del luogo di residenza o in una regione limitrofa, senza la necessità di viaggiare a lunghe distanze o all'estero. “Turismo di prossimità” vuol dire esattamente questo: non dare per scontato le bellezze che si trovano dietro casa, a due passi da noi, in quegli stessi luoghi che abbiamo visto scorrere davanti ai nostri occhi migliaia di volte ma che, per abitudine, non ci siamo mai fermati ad osservare.

Il turismo di prossimità è spesso motivato da diversi fattori, tra cui:

  1. Vicinanza geografica: I turisti preferiscono viaggiare in luoghi che sono facilmente accessibili da casa loro, riducendo così i costi e il tempo di viaggio.

  2. Sostenibilità ambientale: Limitando gli spostamenti a lunga distanza, il turismo di prossimità può contribuire a ridurre l'impatto ambientale associato ai viaggi, come le emissioni di gas serra.

  3. Scoperta di tesori locali: Questo tipo di turismo offre l'opportunità di scoprire luoghi meno conosciuti o sottovalutati nella propria regione, valorizzando le risorse culturali, naturali e storiche locali.

  4. Costi inferiori: I viaggi di prossimità tendono ad essere più economici, poiché richiedono meno spese di trasporto e alloggio.

  5. Flessibilità: Il turismo di prossimità offre maggiore flessibilità nei tempi di viaggio e nelle prenotazioni, consentendo ai turisti di organizzare escursioni last-minute o di breve durata.

Questo tipo di turismo è diventato particolarmente rilevante in risposta a eventi come la pandemia di COVID-19, che ha limitato i viaggi internazionali e ha spinto molte persone a esplorare le bellezze e le opportunità turistiche nella loro regione locale o nazionale.

Offre diversi vantaggi sia per i turisti che per le comunità locali e l'ambiente. Ecco alcuni dei principali vantaggi:

  1. Sostenibilità ambientale: Riducendo la necessità di viaggiare a lunghe distanze, il turismo di prossimità contribuisce a ridurre l'impatto ambientale associato ai viaggi, come le emissioni di gas serra e l'uso delle risorse naturali. Ciò è particolarmente importante in un momento in cui la sostenibilità ambientale è una preoccupazione globale.

  2. Riduzione dei costi: Il turismo di prossimità è spesso più economico poiché richiede meno spese di trasporto e alloggio. I turisti possono risparmiare denaro che altrimenti sarebbe stato speso in voli aerei, viaggi in treno o carburante per l'auto.

  3. Sviluppo locale ed economia: L'attività turistica nelle comunità locali può stimolare l'economia locale creando opportunità di lavoro e generando entrate per le imprese locali, come ristoranti, alberghi, negozi di souvenir e guide turistiche.

  4. Valorizzazione delle risorse locali: Il turismo di prossimità può incentivare la valorizzazione delle risorse naturali, culturali e storiche presenti nelle vicinanze, incoraggiando la conservazione e la promozione di tali risorse.

  5. Scoperta di luoghi meno conosciuti: I turisti hanno l'opportunità di scoprire luoghi meno affollati e meno turistici nella loro regione o paese, consentendo loro di sperimentare autentiche esperienze locali.

  6. Flessibilità: Il turismo di prossimità offre maggiore flessibilità nei piani di viaggio, consentendo ai turisti di organizzare escursioni last-minute o weekend fuori porta senza la necessità di prenotazioni o piani a lungo termine.

  7. Resilienza economica: Il turismo di prossimità può contribuire alla diversificazione dell'economia locale, riducendo la dipendenza da settori economici sensibili alle fluttuazioni globali.

  8. Comunità interconnesse: Questo tipo di turismo può favorire un senso di comunità e un maggiore coinvolgimento tra i residenti locali e i visitatori, creando un ambiente più amichevole e inclusivo.

  9. Minore impatto culturale: Rispetto al turismo di massa, il turismo di prossimità tende a avere un impatto culturale meno invasivo, poiché i turisti sono più inclini a rispettare e apprezzare le tradizioni locali.

  10. Opportunità formativa e lavorativa per i giovani e gli addetti di settoreI giovani, sfruttando questa forma di turismo, possono lavorare come animatori turistici, organizzando attività ricreative e di intrattenimento per i visitatori in hotel, resort o alberghi diffusi. Inoltre hanno modo di approfondire la storia locale e la conoscenza del patrimonio culturale. Gli addetti di settore invece hanno la possibilità di progettare campagne di promozione, sviluppare contenuti digitali e organizzare eventi turistici ed enogastronomici.

In generale, il turismo di prossimità può essere un'opzione vantaggiosa per chi cerca di esplorare nuovi luoghi e sperimentare diverse culture senza allontanarsi troppo da casa, contribuendo nel contempo alla sostenibilità e allo sviluppo delle comunità locali. Anche nel 2023, le persone cercano destinazioni in cui restare più a lungo spendendo meno che in passato. Con il cambiamento degli stili di viaggio, i turisti sono alla ricerca di esperienze autentiche e sostenibili a prezzi più competitivi, rivolgendosi sempre di più a destinazioni emergenti. 

Leggi tutto

Annamaria Parlato 29/05/2024

Camminando verso l'avventura: come il trekking trasforma il turismo e le comunità locali

Il trekking non solo arricchisce l'esperienza turistica offrendo avventure uniche e sostenibili, ma anche promuove lo sviluppo economico, sociale e culturale delle regioni in cui viene praticato. 

E' una forma di escursionismo che implica le camminate su percorsi naturali, spesso in montagna o in aree remote. È un'attività che richiede una buona condizione fisica e può variare da semplici passeggiate a lunghe escursioni di più giorni. Ecco alcuni aspetti chiave del trekking:

  • Percorsi: I sentieri possono essere ben segnati e mantenuti, o possono essere percorsi più selvaggi e impegnativi.
  • Durata: Le escursioni possono durare da poche ore a diverse settimane.
  • Equipaggiamento: È importante avere l'equipaggiamento adeguato, come scarponi da trekking, zaino, abbigliamento tecnico, acqua e cibo.
  • Preparazione: Conoscere il percorso, le condizioni meteorologiche e avere una mappa o un GPS sono fondamentali per la sicurezza.

La storia del trekking è affascinante e ricca di evoluzioni che rispecchiano i cambiamenti nella società, nella tecnologia e nell'atteggiamento verso la natura. Ecco una panoramica delle sue principali tappe storiche:

Origini Antiche

  • Antichità: Camminare a lungo per scopi pratici come caccia, raccolta, migrazione e pellegrinaggio è una pratica antica quanto l'umanità stessa. Le popolazioni nomadi e le tribù indigene attraversavano grandi distanze a piedi per sopravvivere.
  • Pellegrinaggi: Nell'antichità e nel medioevo, camminare per raggiungere luoghi sacri era comune. Percorsi come il Cammino di Santiago in Spagna e il pellegrinaggio a Gerusalemme erano intrapresi per motivi spirituali.

Sviluppi del XIX Secolo

  • Romanticismo: Il movimento romantico del XIX secolo ha risvegliato un interesse per la natura selvaggia e l'esplorazione. Scrittori e artisti come Wordsworth e Turner hanno celebrato la bellezza dei paesaggi naturali, incoraggiando la gente a esplorarli.
  • Prime ascensioni: Questo periodo ha visto anche le prime ascensioni alpine. Nel 1786, Jacques Balmat e Michel-Gabriel Paccard raggiunsero la vetta del Monte Bianco, segnando l'inizio dell'alpinismo moderno.

XX Secolo

  • Escursionismo organizzato: Nei primi decenni del XX secolo, i club alpini e le associazioni escursionistiche sono diventati popolari, promuovendo l'escursionismo come attività ricreativa. Il Club Alpino Italiano (CAI) è stato fondato nel 1863 e il Club Alpino Svizzero (CAS) nel 1863.
  • Parchi Nazionali: Negli Stati Uniti, la creazione dei primi parchi nazionali, come Yellowstone (1872), ha incentivato il trekking e l'escursionismo, proteggendo grandi aree di natura incontaminata.
  • Attrezzatura moderna: Il progresso tecnologico ha portato allo sviluppo di attrezzature specializzate per il trekking, come scarponi da trekking, tende leggere e abbigliamento tecnico, rendendo le escursioni più sicure e accessibili.

Periodo Contemporaneo

  • Crescita globale: Il trekking è diventato un'attività globale, con percorsi famosi in ogni continente. L'Himalaya, le Ande, le Alpi e i sentieri nazionali negli Stati Uniti, come l'Appalachian Trail, sono diventati destinazioni popolari.
  • Trekking sostenibile: Negli ultimi decenni, c'è stata una crescente attenzione alla sostenibilità e alla conservazione ambientale nel trekking. Gli escursionisti sono incoraggiati a seguire pratiche "Leave No Trace" per minimizzare l'impatto sull'ambiente.
  • Accessibilità e inclusività: Il trekking è diventato più inclusivo, con sforzi per rendere i sentieri accessibili a persone di tutte le abilità. Inoltre, c'è una maggiore consapevolezza dell'importanza del rispetto delle culture locali e della biodiversità.

Il futuro del trekking è promettente, con un continuo aumento di interesse per l'outdoor e la natura. Le tecnologie emergenti, come app di navigazione avanzate e materiali ancora più leggeri e resistenti, renderanno il trekking ancora più accessibile e sicuro. Allo stesso tempo, la consapevolezza ambientale e la necessità di conservazione continueranno a guidare le pratiche sostenibili. Il trekking inoltre comporta una serie di sviluppi positivi all'interno dell'economia turistica: crea posti di lavoro locali, come guide, portatori, operatori di lodge, trasporti e ristorazione. L'aumento del turismo escursionistico stimola la costruzione di infrastrutture come sentieri ben mantenuti, rifugi, campeggi, e miglioramenti nei trasporti. Gli escursionisti spesso acquistano prodotti locali, contribuendo all'economia delle comunità attraverso l'acquisto di artigianato, cibo e altri beni. Le aree di trekking spesso diventano zone protette per preservare la bellezza naturale e la biodiversità, come parchi nazionali e riserve, i programmi includono spesso componenti educative che sensibilizzano i visitatori sull'importanza della conservazione e delle pratiche sostenibili. Il trekking è spesso associato a benefici per la salute fisica e mentale, promuovendo un turismo orientato al benessere. Le escursioni in natura offrono un'opportunità per rilassarsi e rigenerarsi, contribuendo al benessere complessivo dei turisti.

Esempi di Successo

  • Nepal: L'Himalaya e il trekking verso l'Everest Base Camp hanno trasformato il Nepal in una destinazione di trekking di fama mondiale, contribuendo significativamente all'economia del paese.
  • Perù: Il trekking sull'Inca Trail fino a Machu Picchu ha reso il Perù una delle destinazioni turistiche più importanti del Sud America.
  • Nuova Zelanda: Con i suoi numerosi "Great Walks", la Nuova Zelanda ha sfruttato il trekking per promuovere il turismo e la conservazione ambientale.

In sintesi, il trekking è evoluto da una necessità antica a un'attività ricreativa moderna, che combina avventura, esplorazione e un profondo rispetto per la natura.

Leggi tutto

Annamaria Parlato 19/02/2024

I turisti nel 2024 ripartono dalle proprie radici

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, lo scorso 30 ottobre 2023, alla Farnesina aprì i lavori del primo incontro di presentazione del progetto “Turismo delle radici”. Una nuova proposta turistica, con il coinvolgimento di borghi e piccoli Comuni, costruita per invitare gli italiani all’estero e i loro discendenti a risalire alle origini.

“Quello di oggi è il primo di una serie di incontri che organizzeremo alla Farnesina per condividere e approfondire, insieme alle realtà locali, la preparazione delle iniziative per il 2024, anno delle radici italiane nel mondo” – dichiarò Tajani. “Come ho detto all’Assemblea ANCI di Genova, i Comuni sono una priorità dell’azione di governo, anche per promuovere le eccellenze dei territori e il saper fare italiano. Vogliamo mettere a sistema la loro vitalità con la nostra strategia di diplomazia della crescita”.

Il progetto “Turismo delle radici” è stato ideato per consentire agli italo-discendenti e oriundi italiani di scoprire i piccoli borghi e le aree rurali all’origine del fenomeno migratorio italiano, costruendo un’offerta turistica autenticamente locale che permetta di apprezzare tutta la bellezza, la cultura e le tradizioni secolari dei borghi da cui sono partiti i loro avi. Il turismo delle radici nasce come progressione di quella forma di turismo
che si è andata consolidando già da tempo: l’heritage tourism.

L'heritage tourism, o turismo del patrimonio, è una forma di turismo che si concentra sulla visita di luoghi storici, culturali e naturali per scoprire, preservare e apprezzare il patrimonio di una determinata area. Questo tipo di turismo si basa sull'esplorazione e sull'esperienza di luoghi che hanno un valore storico, artistico, culturale o naturale significativo.

Le attrazioni del turismo del patrimonio possono includere siti archeologici, monumenti storici, musei, parchi nazionali, edifici antichi, siti religiosi e altre destinazioni legate al patrimonio di una comunità o di una nazione. Gli obiettivi principali del turismo del patrimonio sono la conservazione, la promozione della conoscenza storica e culturale, e la valorizzazione delle tradizioni locali.

Alcuni aspetti chiave dell'heritage tourism includono:

  1. Educazione: Questa forma di turismo mira a educare i visitatori sulle radici storiche, culturali e naturali di una determinata area. Musei, interpreti storici e guide turistiche svolgono un ruolo importante nella trasmissione delle informazioni.

  2. Conservazione: Il turismo del patrimonio spesso contribuisce alla conservazione e alla manutenzione di luoghi storici e culturali. I proventi derivanti dai visitatori possono essere reinvestiti nella preservazione del patrimonio.

  3. Sostenibilità: Molte destinazioni di heritage tourism si impegnano nella gestione sostenibile delle risorse culturali e ambientali per garantire che il patrimonio sia preservato per le generazioni future.

  4. Promozione delle tradizioni locali: Attraverso esperienze autentiche, il turismo del patrimonio promuove le tradizioni locali, l'artigianato, la cucina e altre espressioni culturali uniche.

  5. Coinvolgimento delle comunità locali: L'heritage tourism spesso coinvolge le comunità locali, incoraggiando la partecipazione attiva nella gestione e nella promozione delle risorse del patrimonio.

Questo tipo di turismo può contribuire in modo significativo all'economia locale, attirando visitatori interessati a esplorare la ricchezza storica e culturale di una regione. Tuttavia, è importante bilanciare la promozione turistica con la conservazione sostenibile per evitare impatti negativi sul patrimonio stesso.

Il "turismo delle radici" è una forma specifica di heritage tourism che si concentra sulla ricerca e l'esplorazione delle origini familiari, della storia personale e delle radici culturali di un individuo. Il termine infatti si riferisce a un tipo di viaggio che ha come obiettivo l'esplorazione delle proprie origini, storia familiare e patrimonio culturale. Questo tipo di turismo coinvolge solitamente individui che desiderano ritornare alle loro radici culturali o esplorare le aree geografiche associate alle loro famiglie o alle loro origini etniche. Le attività comuni associate al turismo delle radici includono:

  1. Visite ai luoghi di origine: Esplorare le città natali, i villaggi o le regioni legate alla storia familiare.

  2. Ricerca genealogica: Tracciare la propria linea di discendenza, consultare documenti storici e scoprire dettagli sulla famiglia.

  3. Incontri con parenti: Cercare e connettersi con parenti a lungo perduti o ancora presenti nella regione di origine.

  4. Partecipazione a eventi culturali: Coinvolgimento in festival, celebrazioni e altre manifestazioni culturali locali.

  5. Esperienze culinarie: Sperimentare la cucina locale e le tradizioni alimentari della regione di origine.

  6. Visite a siti storici e musei: Esplorare luoghi storici, musei e altre attrazioni che riflettono la storia e la cultura della zona di origine.

Questo tipo di turismo è spesso guidato dalla volontà di approfondire la comprensione del proprio passato, stabilire connessioni emotive con la storia familiare e mantenere legami con le radici culturali. Con l'avanzare della tecnologia e la disponibilità di risorse online, come servizi di genealogia e archivi digitali, sempre più persone si impegnano nel turismo delle radici per esplorare e celebrare la propria identità culturale e storica. Stimolando il desiderio degli italiani emigrati all’estero e dei loro discendenti di riscoprire il proprio passato, l’Italia proclama il 2024 come anno del “turismo delle radici”.

Leggi tutto

Lascia un commento

Mina Felici

Interessantissimo argomento che è stato trattato approfonditamente anche nel percorso dell’Accademia del CTG che si è svolto a Fiesole nello scorso Novembre ed al quale hanno partecipato Dirigenti CTG provenienti da tutte le Regioni e di cui ho avuto il piacere di essere parte. Nel prossimo agosto ci sarà il secondo appuntamento al quale spero che parteciperanno piú rappresentanti dalla Campania che, purtroppo, era rappresentata solo da me. 09/05/2024
Rispondi

Cerca...